Motorcity

“Motorcity rappresenta uno dei progetti più innovativi in Europa per caratteristiche dell’offerta, per la capacità di coniugare una vasta dimensione territoriale, la qualità delle funzioni previste e una forte attenzione alla sostenibilità ambientale. Su una superficie di circa 450 ettari, sorgeranno: il nuovo Autodromo del Veneto, un parco divertimenti tematico dedicato ai motori, una struttura commerciale di nuova concezione, il Motor Show room, una vetrina delle auto e delle moto che ospiterà i modelli delle principali case produttrici, un polo ricettivo, un parco scientifico e tecnologico con residenze dedicate.” Questo è quello che si legge sul sito della Coopsette, ora in liquidazione e tra i protagonisti del progetto.

Leggi il dossier_autodromo

Tutto nasce nel luglio 1999, quando la Regione Veneto,su iniziativa dei consiglieri Scaravelli (AN) e Zigiotto (Forza Italia), emana una legge per la realizzazione di un autodromo regionale. Nello stesso anno, nel mese di ottobre, viene deliberato il “Piano d’Area Quadrante Europa”, nel quale si individua un’area dicirca 100 ettari a nord di Trevenzuolo adatta ad ospitare il circuito e le relative infrastrutture, con la prescrizione che la quota di superficie permeabile del suolo (ovvero non edificabile) non deve essere inferiore al 70%; nello stesso piano d’area la maggior parte del territorio tra Vigasio e Trevenzuolo viene tutelato, insieme agli alvei fluviali, come ambito di interesse paesistico-ambientale e destinato al futuro parco fluviale della pianura veronese.Il territorio rimanente viene destinato alla filiera agroalimentare.

Nel marzo 2000 viene dato l’incarico di valutare le proposte di localizzazione dell’autodromo a “Veneto Sviluppo SpA”.
ƒ
Nel gennaio 2001, tra le 16 proposte, viene scelta l’area tra Trevenzuolo e Vigasio.
ƒ
Nel giugno 2001 viene costituita la “Società Autodromo del Veneto srl” allo scopo di
realizzare l’autodromo, i soci sono “Veneto Sviluppo SpA” e un “Comitato Promotore”;
nell’aprile 2002 i comuni di Trevenzuolo e Vigasio entrano nella compagine sociale.
ƒ
Nel marzo 2003 entrambi i comuni approvano varianti urbanistiche per classificare la zona autodromo come ZTO “F”.
ƒ
Intorno alla metà 2004 la “Società Autodromo del  Veneto  srl” diventa titolare dei diritti d’opzione per l’acquisto delle aree (scadenza 30 settembre 2006).
ƒ
Nel luglio 2004 Earchimede SpA  e Draco SpA, individuate quali società realizzatrici,sottoscrivono un contratto preliminare per rilevare una quota del capitale sociale di “Autodromo del Veneto srl”.
Nell’agosto 2004 viene sottoscritto un accordo quadro tra 4 i soci storici della “Società Autodromo del Veneto srl” e le 2 società realizzatrici Earchimede SpA e Draco SpA.
ƒ
Nel settembre 2004 avviene la trasformazione della “Società Autodromo del Veneto” da Srl a SpA con aumento di capitale di euro 2.000.000 finalizzato all’esercizio del diritto di opzione sui terreni.
ƒ
Nel novembre 2004 si delibera una Convenzione per la redazione dei piani urbanistici attuativi tra il comune di Vigasio, il comune di Trevenzuolo e la “Società Autodromo del Veneto SpA”.
E così via tra modifiche di legge e passaggi di capitale, passano gli anni; ma noi non possiamo prestare immobili.
Diciamo NO al progetto e spieghiamo ripetutamente quali sono le ragioni del contrasto.
Legambiente è unita a livello provinciale e il sostegno arriva anche dai Verdi.
Numerose le osservazioni esposte agli enti implicati, tra le quali:
  • Il progetto proposto risulta incompatibile con la proposta di istituzione del Parco Regionale del Tartaro-Tione. L’area protetta sarebbe dovuta nascere di lì a poco, con tanto di proposta di legge presentata in Regione per l’istituzione di un “Parco Regionale Tartaro-Tione”, nel territorio dei Comuni appartenenti all’Unione veronese Tartaro-Tione, e cioè ai Comuni di Erbè, Mozzecane, Nogarole Rocca, Trevenzuolo e Vigasio. Anche altri Comuni avevano dimostrato interesse alla realizzazione del parco e la volontà di aderirvi vale a dire Povegliano Veronese, Isola della Scala, Sorgà, Gazzo Veronese e Nogara, ed anche Salizzole. Gli obiettivi ecologici sono la valorizzazione e la ricostituzione di boschetti sui terreni agricoli prossimi al corso d’acqua o negli antichi corsi del fiume; la valorizzazione dei pioppeti; il controllo qualitativo delle acque; la valorizzazione e la salvaguardia delle risorgive, delle paludi, degli sguazzi, dei paleoalvei, anche attraverso la progressiva riduzione dell’area coltivata.
  • Il progetto va a inserirsi in un’area agricola di notevole valore. L’attività agricola della provincia di Verona è leader a livello regionale. Lo sviluppo sostenibile non può declinarsi con la graduale distruzione del settore “primario”, qual è l’agricoltura, lasciando scarse aree agricole alle generazioni future, a dispetto delle indicazioni di Agenda 21;  la tutela della risorsa “acqua” non può essere raggiunta con la continua impermeabilizzazione del suolo, così come avviene con questo progetto; l’inquinamento dell’aria non si riduce con la realizzazione di nuove strutture che si aggiungono ai già rilevanti progetti presentati sul territorio di Vigasio (Autodromo), ma si incrementa e va inoltre ulteriormente a congestionare il sistema viario.
  • Nell’ambito del progetto sono inserite 2 corti di notevole pregio:  Corte Carbonara e Corte Vo di Rua .Si ritiene che il progetto sia in contrasto con l’art. 2 del Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio (Codice Urbani)
  • Si segnala la mancata effettuazione della Valutazione di Incidenza Ambientale (V.Inc.A) per verificare gli eventuali effetti diretti ed indiretti del progetto sul Sito Natura 2000 e Zona Protezione Speciale IT 3210008 denominato Fontanili di Povegliano.

Il progetto del Motorcity oggi

Leggi la rassegna stampa più recente:

2016

L’Arena – 20160325

L’Arena – 20160304

2015

L’Arena – 20151105

L’Arena – 20151011

L’Arena – 20150809

L’Arena – 20150809bis

L’Arena – 20150801

L’Arena – 20150731

L’Arena – 20150718

L’Arena – 20150222

2014

L’Arena – 20141218

L’Arena – 20141214

L’Arena – 20141214bis

L’Arena – 20140516

2013

L’Arena – 20130605 

L’Arena – 20130604

L’Arena – 20130213

L’Arena – 20130122

2012

L’Arena – 20121223 

L’Arena – 20121222

L’Arena – 20120818

L’Arena – 20120725

L’Arena – 20120529

L’Arena – 20120320

L’Arena – 20120113

2011

L’Arena – 20111222 

L’Arena – 20111213

L’Arena – 20111009

L’Arena – 20110628

L’Arena – 20110625

L’Arena – 20110513

 

ƒ
Annunci